Gruppi di terroristi ceceni e di varie nazionalità arabe hanno commesso tre settimane fa il massacro di un numero imprecisato di siriani, civili e militari, tutti uomini, della comunità alawita a cui appartiene la famiglia presidenziale degli Assad, nella regione di Latakia, e hanno rapito oltre cento tra donne e bambini.

Lo affermano all'agenzia ANSA fonti siriane che monitorano le violazioni dei diritti umani nella guerra in corso e che confermano in parte le notizie diffuse dai primi di agosto da alcuni attivisti filo-regime.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.