Il movimento sciita libanese filo-iraniano Hezbollah ha annunciato un parziale ritiro delle sue truppe dalla Siria in guerra, un segnale atteso dopo sette anni dall'inizio dell'intervento militare del gruppo armato a fianco del governo di Damasco.

In una intervista alla tv al Manar, organo ufficiale dello stesso movimento sciita, il leader Hasan Nasrallah ha detto: "Rimaniamo presenti in tutte le zone dove siamo stati in passati. Ma non abbiamo più bisogno di essere così numerosi".

Nasrallah ha poi rassicurato l'opinione pubblica filo-Hezbollah, inquieta per le crescenti perdite nelle file della milizia lungo il fronte caldo aperto a fine aprile nel nord-ovest della Siria: "non siamo coinvolti nella battaglia di Idlib", ha detto Nasrallah.

Secondo media e fonti locali, l'offensiva russa e governativa su Idlib ha mietuto in più di due mesi centinaia di morti tra le truppe di Damasco e le milizie alleate. Non ci sono cifre ufficiali e Hezbollah non ha mai rilasciato dati sulle sue perdite in Siria.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.