Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In Svizzera c'è posto per altri 80'000 rifugiati, tanti quanti ne sono accolti attualmente a titolo provvisorio: lo sostiene la presidente della Croce Rossa svizzera, Annemarie Huber-Hotz.

La consigliera federale sottolinea in un'intervista pubblicata dalla "Schweizer Illustrierte" come il numero in questione sia estremamente basso in rapporto alla popolazione residente.

Nel 1871 la Confederazione - spiega l'ex cancelliera federale - ha dovuto accogliere in tre giorni 80'000 soldati dell'armata francese del generale Bourbaki. "È quello che si deve fare nuovamente oggi: abbiamo posto per altri 80'000 profughi".

Il Consiglio federale ha approvato nel 2013 un contingente di 500 siriani e quest'anno ha deciso l'arrivo di altri 3000: ma per Huber-Hotz si deve fare assai più.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS