Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Intensi combattimenti con bombardamenti delle forze lealiste sono in corso a Zabadani, città siriana al confine con il Libano, dove le milizie sciite libanesi di Hezbollah, alleate di Damasco, stanno avanzando con l'appoggio dell'esercito e di altre formazioni.

Lo riferisce oggi l'ong Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus). La tregua, che secondo gli attivisti era stata negoziata dalla Turchia e dall'Iran, era entrata in vigore la mattina di mercoledì e sarebbe dovuta durare fino a ieri sia a Zabadani, dove sono trincerati formazioni ribelli sunnite, sia in due villaggi a maggioranza sciita nella provincia nord-occidentale di Idlib: Kafriya e Fua.

Lo scopo doveva essere quello di evacuare da questi centri i gruppi armati di entrambi gli schieramenti per permettere di portare soccorsi umanitari ai civili assediati.

Tuttavia sabato il gruppo ribelle sunnita Ahrar al Sham, la principale forza anti-regime coinvolta nei negoziati, ha detto che le trattative erano fallite e ha accusato l'Iran sciita, sostenitore degli Hezbollah e del presidente siriano Bashar al Assad, di volere svuotare Zabadani della sua popolazione sunnita.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS