Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Angela Merkel è tornata a proporre una no-fly-zone per la Siria nel corso del suo intervento al Bundestag sul vertice Ue del 18 e 19 febbraio a Bruxelles.

"La situazione attuale è insostenibile", ha detto la cancelliera, "e sarebbe utile se ci fosse in Siria un'area nella quale nessuna delle parti impegnate nella guerra eseguisse attacchi aerei".

Per Merkel "con i terroristi dell'Isis non si può trattare", ma se "riuscisse un accordo tra gli oppositori di Assad e i suoi sostenitori su una sorta di no-fly-zone, un'area di riparo per i profughi, questo salverebbe la vita di molte persone e faciliterebbe il processo sul futuro della Siria".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS