Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il segretario del Consiglio di sicurezza russo Nikolai Patrushev (al centro) tra il premier Dmitri Medvedev (a destra) e il ministro della difesta Anatoly Serdyukov.

Keystone/AP RIA Novosti Kremlin/Dmitry Astakhov

(sda-ats)

Quasi 2700 persone provenienti dalle repubbliche russe del Caucaso del Nord si trovano in Siria e in Iraq come membri di gruppi terroristici: lo ha dichiarato il segretario del Consiglio di sicurezza russo, Nikolai Patrushev.

"Una minaccia particolare - ha detto Patrushev - viene posta dagli individui coinvolti nelle attività delle organizzazioni terroristiche. Le informazioni disponibili - ha spiegato - indicano che quasi 2700 persone residenti nei distretti" del Caucaso del Nord "sono in Siria e in Iraq come membri di gruppi terroristici".

Secondo Patrushev, inoltre, "sono stati individuati 66 soggetti che reclutavano nuovi miliziani per i gruppi armati illegali".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS