Sono stati 181, tra i quali 18 bambini o ragazzi minorenni, gli uccisi in raid aerei governativi siriani in una sola settimana in aree controllate dai ribelli ad Est di Damasco.

Il bilancio, reso noto oggi dall'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus), si riferisce a bombardamenti che hanno colpito dal 12 al 19 agosto in particolare i centri di Harasta, Erbin, Hammuriyya, Saqba e Kafr Batna nella Ghuta orientale, alle porte della capitale siriana. I feriti sono stati 500, tra i quali decine di minorenni.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.