Navigation

Siria: ong, oltre 900 uccisi in due mesi raid coalizione

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 novembre 2014 - 18:10
(Keystone-ATS)

È di oltre 900 persone uccise, tra cui una cinquantina di civili, compresi 8 bambini e 5 donne, il bilancio di circa due mesi di raid aerei in Siria della coalizione guidata dagli Usa. Lo riferisce oggi l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus).

L'Ondus precisa che il conteggio parte dal 23 settembre, primo giorno dei raid della coalizione in Siria, fino a ieri 21 novembre. Il numero totale degli uccisi è di 910.

I miliziani morti, tra cui jihadisti dello Stato islamico, sono almeno 785. L'Ondus conta anche 72 miliziani qaedisti della Jabhat an Nusra. Alcuni civili e miliziani sono morti, secondo l'Ong, durante raid aerei sulle prigioni dove erano detenuti dallo Stato islamico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.