Navigation

Siria: Ong, raid contro le milizie filo-Iran, 26 uccisi

Oltre 20 miliziani iracheni filo-iraniani sono stati uccisi nelle ultime. Immagine d'archivio. KEYSTONE/AP/Ghaith Alsayed sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 12 marzo 2020 - 10:28
(Keystone-ATS)

Oltre 20 miliziani iracheni filo-iraniani sono stati uccisi nelle ultime ore al confine tra Siria e Iraq in raid aerei attribuiti agli Stati Uniti.

Questo avviene dopo che due soldati statunitensi e uno britannico sono stati uccisi ieri in un attacco contro una base militare in Iraq a nord di Baghdad.

Lo riferisce l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria, secondo cui il bombardamento con missili è avvenuto questa notte nella località di al Hayri, a sud di Abukamal, cittadina siriana di frontiera dove si trovano acquartieramenti di milizie irachene vicine all'Iran. L'Osservatorio parla di 26 miliziani uccisi.

Intanto fonti locali presenti nella regione di Dayr az Zor, non lontano da Abukamal, affermano che stamani le milizie filo-iraniane nella zona son in stato di allerta e hanno imposto alla popolazione il coprifuoco in tutto il distretto di Abukamal.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.