Navigation

Siria: Onu; Usa, sarà giudicata da fatti no parole, no illusioni

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 aprile 2012 - 18:58
(Keystone-ATS)

"Dopo più di un anno di brutali violenze e circa 10.000 morti, oggi il Consiglio di Sicurezza ha deciso che il governo siriano sarà giudicato per le sue azioni e non per le sue parole": così l'ambasciatrice americana Susan Rice, presidente di turno dei Quindici. "Ma non ci facciamo illusioni.

Proprio questa mattina il regime siriano ha ripreso a bombardare brutalmente la città di Homs - ha sottolineato - e riceviamo notizie che i civili continuano a essere uccisi e torturati. Damasco deve rispettare tutti i suoi impegni, non solo una parte di questi, e deve farlo ora".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?