Tutte le notizie in breve

Paulo Pinheiro e Carla Del Pomnte a Ginevra

Keystone/MARTIAL TREZZINI

(sda-ats)

La Commissione d'inchiesta dell'Onu sui crimini in Siria ha accusato le forze del governo siriano di aver deliberatamente condotto l'attacco contro un convoglio di aiuti umanitari in settembre nei pressi di Aleppo, qualificandolo di crimine di guerra.

In un rapporto reso noto a Ginevra e che esamina il periodo relativo alla "battaglia di Aleppo" tra il luglio e il dicembre 2016, la Commissione accusa le parti in conflitto di aver commesso "gravi violazioni del diritto internazionale dei diritti umani e umanitario che ammontano a crimini di guerra".

Sull'attacco contro il convoglio umanitario, il rapporto afferma che "i mezzi ed i metodi utilizzati e le circostanze in cui è stato effettuato l'attacco indicano che le forze siriane hanno cercato di ostacolare deliberatamente la consegna degli aiuti umanitari".

Inoltre, utilizzando munizioni via aria con la consapevolezza che operatori umanitari operavano nel luogo, "le forze siriane hanno commesso il crimine di guerra di attaccare deliberatamente personale umanitario, negare aiuti umanitari e attaccare civili".

Nell'attacco, 15 operatori umanitari sono stati uccisi e gli aiuti tanto attesi dalla popolazione distrutti. Il documento denuncia inoltre l'accordo per l'evacuazione Aleppo- est tra governo e gruppi armati: i civili non avevano possibilità di restare e simili accordi ammontano "al crimine di guerra di spostamento forzato di popolazioni civili".

La Commissione, presieduta dal brasiliano Paulo Pinheiro e che conta tra i suoi membri la svizzera Carla Del Ponte, si sofferma sul devastante impatto degli attacchi aerei quotidiani di siriani e russi e denuncia l'uso di bombe a grappolo.

Il rapporto sottolinea inoltre che gli aerei siriani hanno usato gas cloro. Per gli esperti indipendenti della commissione, "le tattiche brutali" utilizzate dalle parti in conflitto in Siria hanno provocato una "sofferenza senza pari" dei civili . Il documento sarà presentato al Consiglio Onu per i diritti umani riunito in sessione a Ginevra.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve