Navigation

Siria: oppositori, oggi almeno 11 civili uccisi a Rastan

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 giugno 2011 - 14:36
(Keystone-ATS)

Forze di sicurezza siriane hanno ucciso oggi almeno undici civili a Rastan: lo hanno riferito due militanti per la difesa dei diritti umani nel quinto giorno di assedio della città della Siria centrale circondata da carri armati.

I civili sono stati uccisi da cecchini e forze di sicurezza in una loro irruzione nella periferia della città da 60 mila abitanti a nord di Homs per imporre il coprifuoco, hanno riferito Ammar Qurabi, capo dell'Organizzazione per i diritti umani siriana, e l'avvocato Razan Zaitouna.

I due, parlando a margine della riunione di esponenti dell'opposizione siriana ad Antalya, in Turchia, hanno aggiunto che da quando l'attacco dei militari a Rastan è cominciato domenica scorsa almeno 52 civili sono stati uccisi e 200 arrestati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?