Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Siria: Oxfam a governi occidente, aprite frontiere a profughi

Solo l'apertura delle frontiere dei paesi occidentali, e di quelli più ricchi in generale, potrà dare una speranza di salvezza, in Siria, a una popolazione allo stremo. L'appello di Oxfam - una confederazione di 17 organizzazioni non governative che lavorano con 3.000 partner in più di 100 paesi - giunge dopo l'annuncio dell'Unhcr sul numero di profughi siriani ufficialmente registrati, che ha raggiunto i 3 milioni, cui si aggiungono 10,8 milioni di persone (fra cui oltre 6 milioni di sfollati)

Solo 123.600 profughi siriani, evidenzia l'ong citando l'Unchr, hanno trovato una sistemazione nei Paesi europei, contro il milione e 169.846 in Libano, gli 832.508 in Turchia, 612.737 in Giordania (di cui oltre l'80% nei due campi: Azraq e Zaatari). E solo 5000 hanno trovato sistemazione lontano dai Paesi limitrofi grazie all'intervento dell'Onu, vale a dire lo 0,16% del totale. Nel frattempo l'appello delle Nazioni unite ha fatto raggiungere meno della metà dei fondi necessari.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.