Tutte le notizie in breve

Il pilota militare siriano che era stato ricoverato in Turchia dopo essersi paracadutato fuori dal suo caccia Mig-23, precipitato a inizio marzo nella provincia turca di Hatay, lungo il confine con la Siria, è stato arrestato.

Accuse: "spionaggio" e "violazione della frontiera". L'uomo si trova ora in un carcere turco ad Hatay.

Lo riporta l'agenzia Dogan. Mehmet Sufhan, 56enne colonnello dell'aviazione di Damasco, era stato sottoposto a cure per alcune fratture vertebrali riportate nell'incidente.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve