Navigation

Siria: portavoce, piano Annan procede, ma richiede tempo

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 maggio 2012 - 13:05
(Keystone-ATS)

"Il piano Annan per la Siria procede, ma è una crisi che dura da oltre un anno" e che non può essere risolta rapidamente. Lo ha detto oggi a Ginevra Ahmad Fawzi, portavoce dell'inviato speciale dell'Onu e della Lega araba per la crisis siriana, Kofi Annan. La situazione non è soddisfacente, ma ci sono alcuni segnali che qualcosa si muove a "piccoli" passi.

"Ci sono piccoli segni di applicazione del piano. Alcune armi pesanti sono state ritirate, altre restano. Alcune violenze sono diminuite, altre continuano. Non è soddisfacente, ma ci sono segnali di movimento, anche se lenti e piccoli", ha aggiunto Fawzi parlando ai giornalisti.

Il portavoce di Annan ha sottolineato tuttavia che anche nei giorni in cui prevale una certa soddisfazione "siamo inorriditi dalle violenze. La violenza deve cessare, gli aiuti devono raggiungere i più vulnerabili ed il dialogo deve cominciare", ha insistito.

Annan - ha aggiunto - riferirà della situazione in Siria martedì al Consiglio di sicurezza in videoconferenza da Ginevra.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?