Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"La Russia non parteciperà a eventuali operazioni di truppe in Siria. Almeno non ne abbiamo intenzione in questo momento". Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin, alla trasmissione "60 Minutes" della CBS.

"Ma - ha proseguito Putin - stiamo considerando di intensificare il dialogo sia con Assad che con i nostri partner negli altri Paesi".

Il presidente russo incontrerà oggi, alle 17 ora locale (le 23 in Svizzera), il presidente americano Barack Obama e la Siria sarà uno dei temi di discussione.

Ieri, il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov e il segretario di Stato americano John Kerry si sono incontrati per preparare il terreno all'incontro.

"Oltre 2000 combattenti russi e delle ex repubbliche sovietiche sono in Siria con il pericolo che possano tornare in patria. Invece di aspettare che lo facciano, aiutiamo Assad a combatterli in territorio siriano", ha anche detto il presidente russo alla CBS. "Questo - ha spiegato Putin - è il motivo principale che incoraggia e ci spinge a dare assistenza ad Assad. E in generale perché vogliamo che la situazione nella regione si stabilizzi".

Alla domanda su un ruolo più grande della Russia nel mondo, Putin ha risposto: "Sono orgoglioso della Russia, ma non siamo ossessionati dall'essere una superpotenza nel panorama internazionale".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS