Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"La Russia non parteciperà a eventuali operazioni di truppe in Siria. Almeno non ne abbiamo intenzione in questo momento". Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin, alla trasmissione "60 Minutes" della CBS.

"Ma - ha proseguito Putin - stiamo considerando di intensificare il dialogo sia con Assad che con i nostri partner negli altri Paesi".

Il presidente russo incontrerà oggi, alle 17 ora locale (le 23 in Svizzera), il presidente americano Barack Obama e la Siria sarà uno dei temi di discussione.

Ieri, il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov e il segretario di Stato americano John Kerry si sono incontrati per preparare il terreno all'incontro.

"Oltre 2000 combattenti russi e delle ex repubbliche sovietiche sono in Siria con il pericolo che possano tornare in patria. Invece di aspettare che lo facciano, aiutiamo Assad a combatterli in territorio siriano", ha anche detto il presidente russo alla CBS. "Questo - ha spiegato Putin - è il motivo principale che incoraggia e ci spinge a dare assistenza ad Assad. E in generale perché vogliamo che la situazione nella regione si stabilizzi".

Alla domanda su un ruolo più grande della Russia nel mondo, Putin ha risposto: "Sono orgoglioso della Russia, ma non siamo ossessionati dall'essere una superpotenza nel panorama internazionale".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS