Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È di almeno venticinque morti, tra cui una bimba, il bilancio provvisorio dei raid aerei governativi siriani sui sobborghi orientali di Damasco e su Aleppo. Lo riferiscono attivisti anti-regime e testimoni oculari all'ANSA.

A Damasco sono stati presi di mira i quartieri solidali con la rivolta. Il bilancio è di almeno 5 morti. Attivisti sul campo, contattati via Skype dall'ANSA, precisano che dalle prime ore del giorno sono cominciati raid aerei su Mliha e Duma e diversi edifici residenziali sono stati distrutti. Dopo settimane di relativa calma, da giorni sono riprese intense le attività militari del regime nella regione suburbana della capitale.

È invece di almeno 20 uccisi il bilancio non verificabile in maniera indipendente dei bombardamenti aerei compiuti da parte del regime siriano contro quartieri orientali e nord-orientali di Aleppo controllati dal variegato fronte di insorti. Lo riferiscono testimoni oculari contattati dall'ANSA. Le fonti precisano che i quartieri maggiormente colpiti dai barili-bomba sganciati da elicotteri lealisti sono Shaykh Maqsud, Sakhur, Masaken Hanano e Shaar.

SDA-ATS