Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Indice puntato su Bashar al-Assad, scagionata l'opposizione. Con un "alto grado di fiducia" ma non la matematica certezza, l'America accusa il regime siriano di esser dietro il devastante attacco chimico del 21 agosto che ha ucciso almeno 1.429 persone tra cui 429 bambini. La valutazione dell'intelligence americana è contenuta nelle quattro pagine del rapporto diffuso oggi a Washington mentre il segretario di Stato John Kerry spiegava all'America perché l'amministrazione ha deciso di punire Damasco.

Lo scenario secondo cui l'attacco sarebbe stato perpetrato da ribelli è "altamente improbabile", si legge nel rapporto basato sul lavoro delle spie sul terreno, intercettazioni e sorveglianza dei satelliti e sul web. La valutazione è stata condivisa con il Congresso e con "paesi alleati chiave". Il lavoro degli 007 continua "per chiudere i divari" su quanto è accaduto.

Fermo restando che il regime siriano possiede scorte di agenti chimici (sarin, iprite e VX) e migliaia di munizioni, il rapporto individua in Assad "la persona a cui spetta l'ultima decisione" nel programma di armi chimiche i cui membri sono stati selezionati con cura per garantire sicurezza e fedeltà". Centrale nella ricostruzione è l'intercettazione di comunicazioni di un alto esponente del regime a conoscenza dell'offensiva che ha confermato l'uso dei gas.

Per gli americani il regime ha usato varie volte i gas contro l'opposizione l'anno scorso ma "a piccole dosi".

L'attacco del 21 agosto sarebbe stato motivato dalla necessità di "ripulire" decine di quartieri di Damasco da gruppi ribelli, un obiettivo fino ad allora fallito usando mezzi convenzionali. La Casa Bianca ha anche diffuso una piantina con tutti i quartieri colpiti dall'attacco.

"La frustrazione del regime potrebbe aver contribuito a motivare l'attacco del 21 agosto", si legge nel rapporto.

L'intelligence ha rilevato i preparativi tra 18 e 21 agosto nel sobborgo di Adra, vicino a un'area usata dal programma del regime per mescolare agenti chimici tra cui il sarin.

Dopo l'attacco sono stati raccolti centinaia di video, molti dei quali mostrano un gran numero dei corpi con i segni dell'esposizione a un gas nervino: "L'opposizione siriana non ha la capacità di fabbricare questi video e tutti i sintomi verificati dai medici e dalle organizzazioni non governative".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS