Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una forte tempesta di neve ha colpito in questi giorni il Medio Oriente, ponendo in condizioni di serio pericolo le famiglie di rifugiati e in particolar modo i bambini, che sono i più a rischio di congelamento a causa delle basse temperature. Lo denuncia Save the Children, ricordando che già lo scorso novembre due bambini siriani appena nati sono morti a causa del freddo portato da un'altra tempesta che aveva colpito il Libano.

"Questo è un momento drammatico per i milioni di bambini rifugiati che sono senza casa in Siria e nei paesi confinanti. Si prevede che le temperature scenderanno fino a -11 gradi centigradi in alcune aree e per i bambini più piccoli che vivono nelle tende o nei rifugi precari, spesso senza abbigliamento invernale o scarpe adeguate, questa è una minaccia reale - afferma Roger Hearn, direttore regionale dell'organizzazione in Medio Oriente - Save the Children e le altre organizzazioni umanitarie che operano nell'area, stanno cercando di aiutare le famiglie più vulnerabili per garantire che non siano sole in questo momento. Per molti dei rifugiati siriani, questo è il quarto inverno senza casa".

Vi sono attualmente più di 3 milioni di rifugiati siriani che vivono in Libano, Giordania, Turchia, Egitto e Iraq, la metà dei quali bambini. Molti rifugiati vivono in tende o rifugi precari e sono quindi esposti alle condizioni climatiche estreme. Durante l'ultima notte i team di Save the Children hanno fornito coperte e rifugi temporanei per le famiglie sprovviste. Per far fronte all'inverno, sono state forniti alle famiglie in Libano materiali per isolare i rifugi temporanei e kit di abbigliamento invernale per i bambini rifugiati in tutta la regione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS