Navigation

Siria: Svizzera estende sanzioni a sette ministri

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 marzo 2012 - 18:39
(Keystone-ATS)

La Svizzera ha esteso le sanzioni anti-Siria ad altri sette ministri del governo di Damasco. Lo ha annunciato oggi la Segreteria di Stato dell'economia (SECO).

Sono stati inclusi nella "lista nera" i ministri Wael Nader Al-Halqi (Sanità), Mansour Fadlallah Azzam (Affari presidenziali), Emad Abdul-Ghani Sabouni (Comunicazioni e tecnologia), Sufian Allaw (Petrolio e miniere), Adnan Slakho (Industria), Saleh Al-Rashed (Educazione) e Fayssal Abbased (Trasporti).

La settimana scorsa gli Stati membri dell'Unione europea avevano adottato ulteriori sanzioni contro la Siria per la dura repressione in corso contro l'opposizione. I ministri in questione figurano sulla lista aggiornata dell'Ue.

La lista nera elvetica, pubblicato sul sito web della SECO (www.seco.admin.ch), comprende attualmente 115 nomi di persone e 38 nomi di enti e imprese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?