Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Donald Trump scrive al Congresso

KEYSTONE/AP/ALEX BRANDON

(sda-ats)

''Ho ordinato'' il raid in Siria ''nel vitale interesse della sicurezza nazionale degli Stati Uniti'' sulla base della ''mia autorità costituzionale'' come commander-in-chief. Lo afferma il presidente Donald Trump in una lettera al Congresso.

''Gli Stati Uniti assumeranno ulteriori azioni, se necessario e appropriato'', per difendere i loro interessi. ''Ho ordinato l'azione per ridurre la capacità delle forze siriane di compiere ulteriori attacchi chimici e per dissuadere il regime siriano dall'usare armi chimiche''.

''Alle ore 20.40 del 6 aprile sotto mia indicazione, le forze militari americane nel Mar mediterraneo hanno colpito la base di Shayrat in Siria. L'intelligence americana indica che le forze siriane che operano da questa base sono le responsabili dell'attacco chimico contro i civili siriani nella provincia di Idlib del 4 aprile',' afferma Trump nella lettera inviata allo speaker della Camera e al presidente pro tempore del Senato.

''Ho ordinato l'azione per ridurre la capacità delle forze siriane di compiere ulteriori attacchi chimici e per dissuadere il regime siriano dall'usare armi chimiche, promuovendo quindi la stabilita' nell'area ed evitando un peggioramento dell'attuale catastrofe umanitaria della regione. Ho agito nel vitale interesse della sicurezza nazionale degli Stati Uniti'' sulla base della ''mia autorità costituzionale'' come commander-in-chief.

''Gli Stati Uniti assumeranno ulteriori azioni, se necessario e appropriato'', per difendere i loro interessi, aggiunge Trump. ''Vi presento questo rapporto nell'ambito dei miei sforzi per tenere il Congresso informato, in linea con la Risoluzione sui Poteri di Guerra''.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS