Navigation

Siria: ucciso ingegnere nucleare a Homs in omicidio mirato

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 settembre 2011 - 17:03
(Keystone-ATS)

Prosegue la campagna di omicidi mirati a Homs, terza città siriana a nord di Damasco e teatro da settimane di massicce operazioni militari e poliziesche contro manifestanti anti-regime. L'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria riferisce dell'uccisione, stamani, dell'ingegnere nucleare Aws Abdel Karim Khalil da parte di non meglio precisati uomini armati.

Lunedì scorso, sempre a Homs, il vicerettore della facoltà di architettura Muhammad Aqil e il rettore della facoltà di chimica dell'accademia militare Nael Dakhl erano stati uccisi in due diversi agguati. Stessa sorte era toccata domenica al primario di chirurgia dell'ospedale pubblico, Hassan Eid.

L'agenzia ufficiale Sana aveva accusato non meglio identificati terroristi di aver ucciso il medico e i due accademici. Gli attivisti di Homs avevano invece puntato il dito contro le milizie lealiste, che avrebbero così messo a tacere per sempre tre esponenti dell'apparato civile del regime di recente sempre più critici nei confronti della repressione in atto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?