Ha sollevato il suolo di 70 centimetri nella zona a Est di Kathmandu, il terremoto di magnitudo 7,3 avvenuto il 12 maggio scorso.

È quanto risulta dai calcoli dell'Istituto per il Rilevamento Elettromagnetico dell'Ambiente del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Irea-Cnr) di Napoli.

Anche in questo caso, come era avvenuto per la deformazione del suolo provocata dal terremoto di magnitudo 7,8 del 25 aprile, il sollevamento del suolo è stato calcolato utilizzando i dati forniti dal satellite per l'osservazione della Terra Sentinel 1A, lanciato nell'ambito del programma Copernicus di Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Unione Europea.

"È avvenuto un sollevamento del suolo di 70 centimetri nella zona più a Est rispetto a quella colpita il 25 aprile", ha osservato il direttore dell'Irea-Cnr, Riccardo Lanari. L'area interessata dalla deformazione, rilevano i ricercatori, si estende in un'area delle dimensioni di circa 40 per 60 chilometri ad Est di Kathmandu.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.