Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BRATISLAVA - I quattro partiti di destra vincitori di fatto delle elezioni parlamentari di sabato scorso in Slovacchia hanno firmato ieri sera una dichiarazione per una coalizione governativa. La leader del maggiore dei partiti, l'Unione cristiano democratica (Sdku), Iveta Radicova, probabile futuro premier, ha detto di voler presentare il programma della al presidente Ivan Gasparovic entro martedì prossimo.
"Dopo 62 anni la Slovacchia ha una chance reale di avere un governo senza gli ex comunisti", ha detto la Radicova al quotidiano Sme. Sua intenzione è di non chiamare nel nuovo governo alcun ex membro del partito comunista.
I leader degli altri tre partiti conservatori hanno detto di condividere l'intenzione di Radicova. Il premier uscente premier Robert Fico, ex comunista leader oggi del partito social- democratico Smer, aveva formato nel 2006 una coalizione di governo i cui su 16 ministri in tutto nove erano ex comunisti. Nel primo gabinetto di centrodestra dell'ex premier Mikulas Dzurinda (1998-2002) gli ex comunisti erano 11 ministri su 20. Nel suo secondo (2002-06) c'era solo un ministro dal passato comunista: quello degli esteri, Eduard Kukan.

SDA-ATS