Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nel 2014 la Confederazione ha stanziato un importo complessivo di 19,1 milioni di franchi a favore dello sminamento umanitario. Berna ha sostenuto progetti in Asia, Africa, Sudamerica e nei Balcani, indica una nota del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Grazie ai contributi finanziari del DFAE e all'esperienza tecnica del Dipartimento federale della difesa e dell'Esercito svizzero - indica il comunicato - è stato possibile un intervento nelle Filippine, dove un deposito di armi e munizioni era stato trascinato via dal tifone Haiyan con conseguente pericolo per la popolazione.

Nel Corno d'Africa la Svizzera ha potuto concludere il proprio impegno a favore del programma di sminamento dell'ONU nel Somaliland (ex Somalia britannica, autoproclamata repubblica costituita dalle province settentrionali della Somalia, non riconosciuta come Stato indipendente dalla comunità internazionale), e del Puntland (Somalia nordorientale). In quest'ultimo caso - scrive il DFAE - l'impegno svizzero "ha permesso di sviluppare le capacità locali, con le quali i centri per lo sminamento attivi nelle due province sono ora in grado di svolgere autonomamente la propria attività".

La Svizzera - impegnata dagli anni Novanta nello sminamento umanitario - ha anche sostenuto progetti in Bosnia-Erzegovina, Kosovo, Angola, Sudan del Sud, Colombia, Cambogia e Sri Lanka. I contributi degli esperti svizzeri ai programmi dell'ONU in loco o presso le sedi di New York e Ginevra "sono molto apprezzati e riconosciuti a livello internazionale", afferma il DFAE.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS