Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Fuori legge per 94 giorni dall'inizio dell'anno e da 29 giorni consecutivi. Sul cielo di Milano la concentrazione delle polveri sottili non arretra e le previsioni meteo, almeno per altri 3-4 giorni, chiudono ogni spiraglio: venti deboli, piogge assenti.

Di fronte al limite di 50 microgrammi di pm10 per metro cubo, i dati più recenti, diffusi oggi, a Milano variano da 70 a 92 microgrammi. Sul resto della Lombardia il panorama non cambia: valori fra 93 a 112 a Monza e Brianza, 71 a Como, 81 a Gallarate, 90 a Saronno. Ovunque oltre la soglia prevista.

Per cercare di affrontare l'emergenza si sono mossi i Comuni con blocchi totali delle auto (dal 28 al 30 dicembre a Milano, nell'hinterland e a Pavia) e con altri provvedimenti per incentivare l'uso del trasporto pubblico come i biglietti per autobus e tram che, senza cambiarne il costo, valgono come abbonamenti giornalieri.

"È importante - commenta Bruno Simini, presidente dell'Agenzia regionale per la protezione ambientale (Arpa) Lombardia - che ogni cittadino faccia la sua parte riducendo ogni possibile fonte d'immissione di gas e particolati atmosferici". Che cosa fare in concreto lo spiega l'assessore regionale all'Ambiente, Claudia Maria Terzi, che ha scritto a sindaci e prefetti per invitarli a limitare al massimo, o a vietare, i fuochi d'artificio e i giochi pirotecnici di fine anno perché "rappresentano una fonte molto importante d'inquinanti e determinano un notevole peggioramento dei valori di qualità dell'aria".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS