Navigation

Soleimani: lettera Iran a Onu, da Usa atto di terrorismo

L'ambasciatore iraniano all'Onu Takht Ravanchi ha definito "ipocrita" la politica degli Stati Uniti. Keystone/EPA/ABEDIN TAHERKENAREH sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 gennaio 2020 - 08:37
(Keystone-ATS)

Per l'Iran "l'assassinio del generale Qassem Soleimani è un esempio evidente di terrorismo di Stato e, in quanto atto criminale, costituisce una grave violazione dei principi di diritto internazionale, compresi quelli stipulati nella Carta delle Nazioni Unite."

L'assassinio "comporta quindi la responsabilità internazionale degli Usa", ha scritto l'ambasciatore iraniano all'Onu, Takht Ravanchi, in una lettera al segretario generale Antonio Guterres e al collega del Vietnam Dang Dinh Quy, presidente di turno del Consiglio di Sicurezza.

"Questo atto illegale invalida chiaramente la pretesa degli Stati Uniti di combattere il terrorismo - ha aggiunto -. In realtà, stanno combattendo coloro che combattono i terroristi".

Ravanchi ha parlato di politica "ipocrita" di Washington: "questa mossa provocatoria aveva lo scopo di una escalation delle tensioni a un livello incontrollabile ed è evidente che gli Stati Uniti avranno la piena responsabilità di tutte le conseguenze".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.