Navigation

Soletta: fino a domenica la 34ma edizione Giornate letterarie

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 maggio 2012 - 18:26
(Keystone-ATS)

Da oggi a domenica la letteratura svizzera celebra se stessa a Soletta, dove oggi si è aperta la 34ma edizione delle Giornate letterarie, all'insegna del motto "Bacio della musa", ovvero da dove è tratta l'ispirazione dello scrivere, in prosa o in poesia. Un centinaio di autori e traduttori svizzeri e stranieri presentano le loro ultime pubblicazioni.

Quest'anno a Soletta sono presenti vari scrittori del Vicino Oriente; si discuterà della situazione politica e culturale dei loro paesi. Spazio anche al nigeriano Helon Habila toccherà, che con il suo libro "Oil on Water" toccherà temi scottanti.

Lo scrittore tedesco F. C. Delius parlerà di un suo volume autobiografico; i francesi Arnaud Cathrine e Mathias Enard porteranno i loro nuovi libri "Nos Vies romancées" e "L'Alcool et la nostalgie". L'autore italiano Marco Balzano leggerà dal suo primo romanzo "Il figlio del figlio".

Da non perdere uno spettacolo lirico e musicale, "Dans la nuit la plus claire jamais rêvée", ispirato a poesie di Philippe Jaccottet, che renderà omaggio al poeta vodese. I visitatori potranno seguire in diretta il lavoro di diversi traduttori e partecipare a incontri incentrati sulla traduzione.

Non mancherà il consueto panorama della letteratura svizzera nelle varie espressioni linguistiche. La letteratura in lingua italiana sarà rappresentata da Paolo Di Stefano con il libro-reportage "La catastròfa" e dai poeti Fabio Contestabile e Franco Facchini. Gerry Mottis leggerà dal suo libro di racconti "Oltre il confine" e Matteo Terzaghi presenterà delle pagine inedite "Storie di Immagine erratiche". Dalla Svizzera francese sono invitati tra gli altri Thomas Bouvier, Claire Krähenbühl e Nicolas Verdan, dalla Svizzera tedesca Franz Hohler, Lukas Hartmann e E. Y. Meyer.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?