Navigation

Somalia: 10 soldati dell'Ua uccisi oggi a Mogadiscio

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 ottobre 2011 - 15:50
(Keystone-ATS)

Sarebbero almeno 10 i militari della forza di pace dell'Unione Africana (Amisom) uccisi durante uno scontro con gli islamici di Al Shabaab a Mogadiscio.

Il portavoce della forza di pace, Paddy Ankunda, ha detto che lo scontro si sarebbe verificato quando i soldati dell'Unione Africana hanno tentato di catturare detenuti nelle mani dei ribelli somali in un quartiere roccaforte di Al Shabab. Il bilancio conta anche due soldati dispersi e un veicolo blindato dato alle fiamme.

In totale sarebbero oltre 70 i soldati dell'Amisom uccisi dai miliziani somali da quando è iniziata l'offensiva della forza di pace dell'Unione Africana nella capitale somala. "Abbiamo ucciso più di 70 soldati nemici oggi e si possono vedere i loro corpi morti", ha detto ai giornalisti il portavoce di Al Shabaab, Sheikh Ali Mohamud Rage, mostrando i corpi dei militari uccisi.

Se le cifre venissero confermate, si tratterebbe del peggior massacro subito dalla forza di pace dell'Unione Africana da quando, quattro anni fa, sono iniziate le operazioni a sostegno del debole Governo filo-occidentale somalo contro le milizie di Al Shabaab

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?