Navigation

Somalia: 65 bambini morti per colera questa settimana

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 ottobre 2011 - 14:55
(Keystone-ATS)

Almeno 65 bambini sarebbero morti questa settimana perché affetti da colera a Mogadiscio, dove i casi di malattie trasmesse dall'acqua sono aumentati per le precarie condizioni igieniche.

Sakariye Mohamed, un medico della capitale somala dove sono in corso violenti combattimenti tra i miliziani Al Shabaab e l'esercito governativo, ha riferito a Press Tv che i bambini, tutti provenienti dal quartiere a sud di Mogadiscio di Hodan, sarebbero deceduti giovedì scorso, mentre 160 bambini, affetti oltre che da colera, anche da altre malattie trasmesse dall'acqua, sono ricoverati presso agli ospedali di Banadir e Digfeer nel sud di Mogadiscio.

Casi di colera sono in aumento nelle regioni somale di Banadir, Bay, Mudug e basso Shabelle e parallelamente il numero di persone affette da diarrea acuta è aumentato drammaticamente negli ultimi mesi. Le precarie condizioni igieniche, la scarsità di acqua potabile e il sovraffollamento avrebbero contribuito alla diffusione delle malattie trasmesse dall'acqua a Mogadiscio.

I bambini sarebbero quelli più colpiti: secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, circa il 75 per cento dei casi infettivi di diarrea sono minori sotto i cinque anni. In questo drammatico scenario, secondo quanto riportato da Press Tv, le agenzie umanitarie possono fare scorte di cibo per un numero limitato di persone.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?