Navigation

Somalia: Amisom avanza a Mogadiscio, controlla il 40% città

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 ottobre 2010 - 16:42
(Keystone-ATS)

NAIROBI - Mogadiscio continua ad essere un vero e proprio campo di battaglia. Gli scontri tra le truppe dell'Unione africana (la missione di pace patrocinata dall'Onu), che supportano i soldati del governo di transizione, e i ribelli Shabaab legati ad al Qaida ai quali si aggiungono anche gli integralisti di Hizbul islam, hanno prodotto in sei giorni oltre 40 vittime tra i civili.
Nelle ultime settimane la zona centrale della città, quella di Hodan e del mercato di Bakara ancora in mano ai ribelli, è diventata l'epicentro del conflitto.
Le forze di pace Ua si mostrano però speranzose. "Controlliamo circa il 40% di Mogadiscio e entro la fine del mese il 50%", ha detto oggi il rappresentante speciale della Commissione dell'Unione africana per la Somalia, Wafula Wamunyinyi.
Con un contingente di oltre 7000 uomini, composto da militari ugandesi e del Burundi, ai quali potrebbero aggiungersi presto nuovi soldati da Kampala come promesso dal presidente Yoweri Museveni, i peacekeeper promettono di guadagnare nei giorni a venire nuove postazioni e sottrarre interi quartieri ai ribelli.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.