Navigation

Somalia: forze Kenya conquistano Fafadun, feudo Al Shabaab

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 gennaio 2012 - 16:12
(Keystone-ATS)

Le forze keniane hanno ucciso un alto comandante dei miliziani al Shabaab e conquistato la città di Fafadun nella Somalia centrale, una delle roccaforti del gruppo islamico legato ad al Qaeda.

Il portavoce militare dell'esercito del Kenya, Emmanuel Chirchir, ha riferito ai media locali che nel corso di violenti combattimenti tre soldati nemici sono stati colpiti mortalmente, tra cui uno dei comandanti della regione di Gedo, lo sceicco Hassan Hussein.

L'esercito kenyano, le truppe etiopi e il governo di transizione somalo ora controllano il 90 per cento della regione di Gedo, secondo quanto ha dichiarato Chirchir al quotidiano locale Daily Nation.

Gedo, insieme ad alcuni quartieri di Mogadiscio, rappresentava la zona in cui i militanti al Shabaab erano riusciti ad imporre in modo rigoroso la legge islamica della sharia, che prevede, per reati come l'adulterio e il furto, pene severe come la decapitazione, la lapidazione, l'amputazione degli arti e la fustigazione pubblica.

Il prossimo obiettivo che è la conquista della città portuale di Chisimaio dove i combattenti islamici raccolgono, attraverso tasse illegali e proventi esteri, i soldi necessari per "finanziare la sanguinosa insurrezione nel Corno d'Africa".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?