Navigation

Somalia: kamikaze fa strage a Mogadiscio, 8 civili uccisi

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 luglio 2013 - 19:45
(Keystone-ATS)

È di almeno otto civili uccisi, il bilancio della nuova strage compiuta oggi a Mogadiscio da un kamikaze che a bordo di un'autobomba si è lanciato contro un convoglio di peacekeeping. Nessun soldato è rimasto colpito nell'attentato rivendicato dai fondamentalisti somali al Shabaab, legati ad al Qaida.

I ribelli somali hanno precisato che volevano colpire il convoglio militare, al cui interno viaggiavano, secondo loro, ufficiali americani. Una notizia, quest'ultima, che al momento non è possibile verificare da fonti giornalistiche indipendenti.

La scorsa settimana gli jihadisti avevano compiuto un altro attentato ad un mercato della capitale somala, mentre un mese prima avevano assaltato una base vicino al compound Onu, con diversi morti e feriti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.