Navigation

Somalia: Shabaab rivendicano attacco a Mogadiscio

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 gennaio 2013 - 19:18
(Keystone-ATS)

Il gruppo islamico somalo di al Shabaab ha rivendicato la responsabilità dell'attentato suicida compiuto stamane davanti alla residenza del primo ministro somalo, vicino al palazzo presidenziale di Mogadiscio.

La dichiarazione è stata messa sul sito web del gruppo legato ad Al Qaida secondo cui l'esplosione avrebbe ucciso sette agenti di sicurezza, mentre funzionari somali parlano di un solo soldato morto e di tre agenti rimasti feriti.

Secondo fonti locali, il presidente somalo, Sheikh Hassan Mohamud, non era a Mogadiscio al momento dell'attacco, mentre il primo ministro, Abdi Farah Shirdon Saaid, è rimasto illeso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.