Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'energia atomica ha perso nettamente quota nell'opinione pubblica svizzera dopo il grave incidente in Giappone: il 73,9% è ormai contro la costruzione di nuove centrali nucleari, stando a un sondaggio pubblicato oggi da "SonntagsZeitung" e "Le Matin Dimanche". L'anno scorso in un sondaggio simile il 54% si era espresso in favore di nuove centrali, rammenta il domenicale zurighese.

L'agenzia specializzata Isopublic ha interpellato tra giovedì e ieri 506 persone con diritto di voto nella Svizzera tedesca e in Romandia. Il margine di errore è valutato al 4,5%.

Secondo l'inchiesta, addirittura l'87% vuole l'abbandono dell'energia atomica: il 77% a medio termine, il 10% subito. Il 62% auspica in ogni caso lo spegnimento immediato delle vecchie centrali di Mühleberg e Beznau: il 28% vorrebbe che fosse definitivo, mentre il 34,4% chiede che i due impianti siano disattivati finché la loro sicurezza non sia garantita alla luce anche degli insegnamenti tratti dall'incidente in Giappone. Il 36,4% si pronuncia per una ispezione, ma senza interruzione d'esercizio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS