Navigation

Sondaggio: 74% svizzeri contro nuove centrali atomiche

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 marzo 2011 - 09:44
(Keystone-ATS)

L'energia atomica ha perso nettamente quota nell'opinione pubblica svizzera dopo il grave incidente in Giappone: il 73,9% è ormai contro la costruzione di nuove centrali nucleari, stando a un sondaggio pubblicato oggi da "SonntagsZeitung" e "Le Matin Dimanche". L'anno scorso in un sondaggio simile il 54% si era espresso in favore di nuove centrali, rammenta il domenicale zurighese.

L'agenzia specializzata Isopublic ha interpellato tra giovedì e ieri 506 persone con diritto di voto nella Svizzera tedesca e in Romandia. Il margine di errore è valutato al 4,5%.

Secondo l'inchiesta, addirittura l'87% vuole l'abbandono dell'energia atomica: il 77% a medio termine, il 10% subito. Il 62% auspica in ogni caso lo spegnimento immediato delle vecchie centrali di Mühleberg e Beznau: il 28% vorrebbe che fosse definitivo, mentre il 34,4% chiede che i due impianti siano disattivati finché la loro sicurezza non sia garantita alla luce anche degli insegnamenti tratti dall'incidente in Giappone. Il 36,4% si pronuncia per una ispezione, ma senza interruzione d'esercizio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?