Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sette settimane prima della votazione popolare sull'iniziativa "contro le retribuzioni abusive" dei manager, il 54% degli aventi diritto di voto afferma di voler mettere nell'urna un "sì" al testo promosso dall'imprenditore sciaffusano e consigliere agli Stati Thomas Minder. È quanto risulta da un sondaggio commissionato dal domenicale "SonntagsBlick" all'istituto Isopublic e realizzato nei cantoni svizzero tedeschi e romandi.

L'iniziativa viene invece bocciata, "sicuramente" o "verosimilmente", dal 30% degli interrogati. Il rimanente 16% non ha ancora un'opinione in merito.

La proposta di Minder otterrebbe attualmente anche la maggioranza dei cantoni: in Svizzera tedesca al 53% (con il 32% di contrari) e in Romanda al 55% (26% di no).

I più convinti dell'utilità dell'iniziativa sono gli elettori socialisti (il 69% voterebbe sì, seguendo le raccomandazioni del partito nazionale), seguiti da democristiani e democentristi (60%). La maggioranza (60%) dei liberali-radicali metterebbe invece un no nell'urna.

Altro dato interessante: il sostegno all'iniziativa cresce con l'aumentare dell'età delle persone consultate. Nella fascia d'età tra i 55 e i 74 anni, i sì sono risultati il 63% (28% di no). La percentuale di favorevoli scende al 55% (29% contrari) nella classe d'età 35-54 anni. Più indecisi i giovani tra i 18 e 34 anni: i favorevoli sono il 38% e i contrari il 35%.

Il sondaggio ha messo in rilievo anche una differenza tra i sessi: gli uomini sono più propensi a votare per l'iniziativa - 59% - rispetto alle donne (46%).

Isopublic ha interrogato da giovedì a sabato 1019 persone aventi diritto di voto nei cantoni svizzero tedeschi e romandi. 686 di loro andranno "sicuramente" o "molto verosimilmente" a votare.

Il testo di Thomas Minder, sottoposto al popolo il 3 marzo prossimo, chiede un voto obbligatorio e vincolante dell'assemblea generale degli azionisti sulle rimunerazioni dei membri della direzione. Le regole internazionali in UE, Germania, Austria, GB e USA prevedono generalmente voti consultivi sui sistemi e rapporti di retribuzione.

Il controprogetto indiretto delle Camere prevede invece che gli azionisti si limitino ad un voto consultivo. Un'altra differenza tra le due soluzioni proposte: il controprogetto, diversamente dall'iniziativa, non vuole assolutamente vietare i cosiddetti "paracadute dorati", ossia le buonuscite consistenti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS