Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

PARIGI - I pensionati d'Europa preferiscono il Mediterraneo. Lo dice uno studio di Aon Consulting, società specializzata in analisi di mercato sul settore sociale, che piazza la Spagna al primo posto tra i Paesi in cui gli over 60 del continente vorrebbero trasferirsi per passare in tranquillità gli anni dopo il lavoro, seguita da Francia, Usa e Italia. Nettamente distanziate le altre destinazioni extraeuropee, con l'Africa al 6/o posto e l'America Latina all'8/o.
La preferenza per le mete europee rispetto a quelle esotiche, spiega il responsabile dello studio, Oliver Rowland, è motivata dal desiderio di restare comunque in contatto con la famiglia e gli amici. "I trasporti aerei a basso costo e Internet consentono di non allontanarsi totalmente dalla vita familiare - dichiara al quotidiano "Le Figaro" - facendo della prospettiva dell'emigrazione una possibilità reale su una scala ancora mai sperimentata".
Ma quando si tratta di passare dalle parole ai fatti, aggiunge, molti tentennano: "Spesso, quando gli anziani si rendono conto che dovranno lasciare i loro amici, oppure un parente in difficoltà, non riescono a superare l'ostacolo del trasloco". Forse proprio per questo, nelle case per anziani nel sud della Francia si registrano spesso tempi fino a tre anni tra la prima presa di contatto e la decisione definitiva di trasferirsi.
L'attrattiva della Spagna per i pensionati è confermata anche dalla seconda parte dello studio, in cui ai 7.500 intervistati è stato domandato se troverebbero piacevole passare il periodo della pensione nel loro Paese d'origine. L'86,8% degli iberici ha infatti risposto di sì, contro il 42,7% appena dei britannici e il 45,9% dei tedeschi. Merito, dice ancora lo studio, dell'equilibrio tra basso costo e buona qualità della vita, e della fiducia nel sistema sanitario locale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS