Navigation

Spagna: migliaia in piazza contro nuove misure austerità

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 aprile 2012 - 17:48
(Keystone-ATS)

Con lo slogan "non si gioca con l'educazione e la salute", decine di migliaia di persone sono scese in piazza oggi a Madrid, nonostante la pioggia, e in diverse città spagnole contro le nuove misure di austerità annunciate dal governo Rajoi che colpiscono sanità ed istruzione.

Impegnato in una corsa contro il tempo per ridurre il deficit, (dall'8,51% al 5,3%), il governo conservatore spagnolo ha adottato il 20 aprile scorso un piano di austerità per i settori della sanità e dell'istruzione, gestito da 17 regioni. Il Paese spera di generare 10 miliardi di euro di risparmio all'anno: 7 miliardi di euro dalla sanità e 3 dall'istruzione.

La riforma sanitaria prevede di far pagare i farmaci, finora gratuiti, ai pensionati, o limitare alle emergenze e alla pediatria l'accesso alla salute pubblica dei migranti irregolari.

Le manifestazioni si sono svolte in 55 città e sono state organizzate da una "piattaforma sociale di difesa del welfare e dei servizi pubblici", che riunisce i principali sindacati spagnoli.

A Madrid, sono scesi in piazza decine di migliaia di persone, secondo i giornalisti sul posto, 40mila secondo i sindacati. A Barcellona, circa 700 manifestanti si sono riuniti, sostiene la polizia, 4000 secondo i sindacati.

La mobilitazione di oggi era molto più piccola rispetto alle grandi manifestazioni tenutesi recentemente in Spagna contro le misure di austerità, soprattutto durante lo sciopero generale del 29 marzo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?