Navigation

Spazio: Cina lancia sonda per raccogliere rocce lunari

La Cina ha lanciato un veicolo spaziale senza pilota per raccogliere campioni di rocce lunari. È il primo tentativo da oltre quarant'anni da parte di qualsiasi Paese al mondo. KEYSTONE/AP/Mark Schiefelbein sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 novembre 2020 - 08:59
(Keystone-ATS)

La Cina ha lanciato un veicolo spaziale senza pilota per raccogliere campioni di rocce lunari. È il primo tentativo da oltre quarant'anni da parte di qualsiasi Paese al mondo.

Il razzo che trasportava il veicolo è decollato dal Centro spaziale di Wenchang nell'isola meridionale della provincia di Hainan alle 4:30 ora locale (le 21:30 di ieri in Svizzera).

Pechino sta riversando miliardi nel suo programma spaziale gestito dai militari, con la speranza di avere una stazione spaziale con equipaggio entro il 2022 e di inviare esseri umani sulla Luna. L'obiettivo della missione è spalare rocce lunari e suolo per aiutare gli scienziati a conoscere le origini, la formazione e l'attività vulcanica della Luna sulla sua superficie.

La missione originale, prevista per il 2017, è stata ritardata a causa di un guasto al motore del razzo. In caso di successo, la Cina sarà solo il terzo paese ad aver recuperato campioni dalla Luna, dopo gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica negli anni '60 e '70. La sonda cinese raccoglierà due chilogrammi di materiale di superficie in un'area precedentemente inesplorata conosciuta come Oceanus Procellarum - o "Oceano delle Tempeste" - che consiste in una vasta pianura lavica, secondo la rivista scientifica Nature.

La sonda dovrebbe allunare alla fine di novembre e raccogliere materiale durante un giorno lunare, equivalente a circa 14 giorni terrestri. I campioni verranno quindi riportati sulla Terra in una capsula programmata per atterrare nella regione della Mongolia interna della Cina settentrionale all'inizio di dicembre.

Condividi questo articolo