Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Anche il settimanale tedesco der Spiegel ritiene di essere stato intercettato dalla Nsa americana. Lo scrive lo stesso magazine, in un'anticipazione, annunciando di aver sporto denuncia oggi presso la Procura federale a Karlsruhe.

La denuncia è stata sporta per il sospetto di spionaggio e per la violazione delle norme di riservatezza dell'informazione.

Spiegel si riferisce a eventi che sarebbero accaduti nel 2011: allora i vertici della Cia avrebbero messo in guardia il coordinatore per la cancelleria delle attività dei servizi tedeschi, Guenter Heiss, su presunti contatti che il settimane di Amburgo avrebbe avuto con alcuni membri del governo.

Più precisamente, proprio il portavoce di Heiss, Hans Josef Vorbeck, sarebbe stato sospettato di aver passato informazioni riservate al periodico. Un rapporto segreto sui presunti contatti tra Vorbeck e Spiegel sarebbe anche stato presentato al governo di allora, sempre guidato dalla cancelliera Angela Merkel.

Proprio a causa di quella informazione, Vorbeck sarebbe stato trasferito. Per quei fatti presunti, non ci sono state comunque conseguenze legali. Il caso è al momento al vaglio della commissione del parlamento tedesco che si sta occupando delle eventuali attività illecite dell'agenzia d'intelligence statunitense Nsa in Germania.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS