Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'ex presidente dello Sri Lanka, Mahinda Rajapaksa, ha negato oggi di aver cercato di organizzare un golpe militare dopo la sconfitta elettorale di giovedì.

"Smentisco nel modo più assoluto - ha scritto in un tweet - le voci di un mio tentativo di influenzare i risultati elettorali. In tanti anni di carriera politica ho sempre accettato il verdetto della gente". Rajapaksa ha anche ricordato che aveva accettato la sconfitta ancora prima della conclusione dello spoglio e che si era congratulato con il rivale Maithripala Sirisena. Il leader, che ha governato l'isola per dieci anni, era stato accusato da alcuni rappresentanti del nuovo governo di aver convocato i vertici militari la sera di giovedì per discutere della nuova situazione dopo la vittoria di Sirisena.

Inoltre, l'indomani, una fonte vicina al nuovo premier Ranil Wickermesinghe aveva sostenuto che "quando ha visto che la sconfitta si profilava inevitabile Rajapaksa ha cercato di convencere il Procuratore generale di preparare i documenti per la dichiarazione dello stato di emergenza, ma l'alto magistrato si rifiutò di farlo".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS