Navigation

Sri Lanka: un anno fa attentati Pasqua, Covid riduce eventi

Il paese si è fermato per due minuti di silenzio, seguiti dal suono delle campane di tutti i luoghi di culto. Keystone/AP/ERANGA JAYAWARDENA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 aprile 2020 - 12:43
(Keystone-ATS)

Il 21 aprile 2019 nove kamikaze si fecero esplodere in tre chiese dello Sri Lanka mentre si celebrava la Pasqua, entrando in azione anche in diversi alberghi. Almeno 270 i morti.

Ad un anno di distanza e nel rispetto delle misure d'emergenza per il coronavirus, il paese si ferma per due minuti di silenzio, seguiti dal suono delle campane di tutti i luoghi di culto. Tutti gli altri eventi previsti non si tengono, per evitare la diffusione del Covid-19.

Ad un anno di distanza ancora nulla si sa degli autori di quegli attacchi sanguinosi. Per il cardinale arcivescovo di Colombo, Albert Malcolm Ranjith, "si deve puntare a sapere la verità, scoprendo chi ha ideato gli attentati e chi ha dato i fondi necessari".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.