Navigation

SSR: trasmissioni radiofoniche rimaste bloccate per tre ore stanotte

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 giugno 2011 - 13:55
(Keystone-ATS)

Questa notte per circa tre ore è stato impossibile ascoltare i programmi radiofonici della SSR SRG a causa di un guasto. Il problema è iniziato verso le 2:50 e solo poco dopo le 6:00 tutti i collegamenti erano stati ripristinati.

Il disguido, dovuto ad un guasto alla centrale di distribuzione di Zurigo, ha interessato le trasmissioni radiofoniche di tutte le reti nazionali (tedesca, francese, italiana e romancia) della SSR SRG, che non si potevano più captare su tutto il territorio nazionale. L'unica possibilità per ascoltare in diretta i programmi era internet.

"La RSI non è stata risparmiata, sebbene i ripetitori abbiano funzionato regolarmente e la centrale di Besso abbia registrato tutto quello che i radioascoltatori, invece, non hanno potuto sentire", ha precisato stamani una nota.

Molti ascoltatori hanno telefonato alle varie sedi radiofoniche per segnalare l'incidente, ha indicato all'ats la Radio della Svizzera romanda. I trasmettitori svizzerotedeschi si sono ammutoliti alle 02:43, ha precisato all'ats Daniel Steiner, portavoce della Società svizzera di radiodiffusione.

Alle 05:50, era di nuovo possibile captare la DSR1 (la prima catena della Svizzera tedesca), mentre la romanda RSR1 si è fatta sentire solo verso le 06.10, quando tutti i trasmettitori erano di nuovo in grado di diffondere i programmi normalmente.

Il guasto è legato a periodici lavori di manutenzione tecnica. "Sappiamo che sono stati interrotti i collegamenti tra due centri di dati, ciò che ha provocato il problema, ma non conosciamo ancora il motivo dell'interruzione", ha spiegato Steiner.

In ogni caso, "se si dovesse informare la popolazione di un grave avvenimento, la Confederazione dispone di un'antenna speciale, 'UKW-77', molto potente, che permette alle radio di trasmettere anche se le reti non funzionano", ha sottolineato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.