Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Stazione ornitologica mette radici più solide in Ticino.

KEYSTONE/URS FLUEELER

(sda-ats)

La Stazione ornitologica svizzera rafforza la sua presenza a sud delle Alpi. Una nuova antenna è stata creata in Ticino, ospitata dalla Fondazione Bolle di Magadino.

L'obiettivo, indica una nota odierna, è sviluppare progetti di conservazione delle specie, migliorare l'osservazione e le relazioni pubbliche.

Nella struttura sono attive da settembre Chiara Scandolara e Lidia Mermoud, che vanno a rafforzare il lavoro condotto da anni dal pioniere dell'ornitologia in Ticino, Roberto Lardelli, e da Pietro Teichert e Filippo Rampazzi, precisa il comunicato.

L'estrema diversità di paesaggi nella regione e il clima mite consentono la sopravvivenza di piante e animali mediterranei, sottolinea la Stazione. Sul fronte degli uccelli, spicca l'eccezionale presenza del rondone pallido, che in Svizzera nidifica solo nei muri della chiesa di Sant'Antonio a Locarno, del passero solitario e dell'usignolo di fiume, che trovano in Ticino il limite settentrionale della loro area di distribuzione.

Se nei fondovalle il forte sviluppo degli agglomerati di Lugano, Bellinzona, Locarno e Mendrisio-Chiasso porta a una continua scomparsa di aree agricole, nelle valli laterali i pascoli scompaiono con l'avanzare del bosco, continua la nota.

Obiettivo dell'organizzazione è preservare il più possibile le aree importanti per l'avifauna e scongiurare la scomparsa di prati falciati, ricchi di specie. È necessario, si legge, salvaguardare le foreste di latifoglie poco dense e l'agricoltura tradizionale.

Progetti di rivalorizzazione sono inoltre possibili, a detta della Stazione, lungo diversi corsi d'acqua, come il fiume Ticino. Infine, sarà prestata particolare attenzione allo sviluppo pianificato del Piano di Magadino.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS