Navigation

Steve Lee: in migliaia al San Gottardo per cerimonia addio

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 ottobre 2010 - 15:18
(Keystone-ATS)

AIROLO - Sfidando il freddo e la neve, migliaia di persone sono giunte oggi all'Ospizio del San Gottardo per partecipare alla cerimonia in ricordo del cantante rock ticinese Steve Lee, morto tragicamente il 5 ottobre a 47 anni negli Stati Uniti. Due frati cappuccini hanno commemorato il defunto in italiano e in tedesco.
"Non ho mai conosciuto personalmente Steve Lee, ma eravamo uniti dal San Gottardo, questa montagna aspra e arida che i frati cappuccini hanno conquistato per primi, questo anello di congiunzione tra il Nord e il Sud, tra i popoli e le culture", ha detto padre Edy indirizzandosi alle migliaia di fan, agli amici e ai famigliari del defunto.
Frate Edy e frate Marcello hanno ricordato le varie tappe nella vita del cantante rock mentre davanti a loro ascoltavano assorti, tra l'altro, la compagna di Lee Brigitte Voss-Balzarini e gli altri membri della band, Leo, Mark, Hena, Fredy e Nicolò.
"La voce di Steve si è ammutolita da un momento all'altro - hanno detto i due religiosi - ma la sua voce resterà per sempre legata al Gottardo, un nome che il vostro gruppo ha esportato nel mondo intero", hanno detto i due religiosi. In ricordo del cantante, nel 2011 verrà posata sulla vetta del passo una targa commemorativa.
I fan di Steve Lee sono arrivati in gran numero sulla cima del passo già nelle prime ore del mattino. Sono state stimate 3 mila persone, provenienti dal Ticino, dalla Svizzera tedesca, dalla Romandia, ma anche dall'Italia, dalla Germania, dall'Austria e dall'Olanda.
Accanto all'Ospizio è stata eretta una tenda sotto la quale i fan hanno potuto firmare il libro delle condoglianze e raccogliersi davanti a un altare su cui campeggiavano fotografie del cantante scomparso.
La cerimonia in ricordo di Steve Lee, nato il 5 agosto del 1963 a Horgen (ZH) da padre inglese e mamma svizzero-tedesca, è stata voluta dal gruppo, fondato nel 1990 a Lugano da Steve Lee e dal chitarrista ticinese Leo Leoni.
L'urna funeraria contenente le ceneri giunta la settimana scorsa dagli Stati Uniti è stata tumulata nel cimtero di Porza, vicino a Lugano, dove Steve - Stefan all'anagrafe - viveva da quando era bambino.
Il cantante dei Gotthard è perito in un incidente stradale nei pressi di Las Vegas. Era in sella alla sua moto sulla corsia di emergenza quando un camion che viaggiava nella stessa direzione lo ha urtato violentemente. L'artista è deceduto sul posto per le ferite riportate.
Quello di attraversare gli Stati Uniti su una Harley Davidson era un vecchio sogno di Steve Lee. Al momento dell'incidente, Lee era in compagnia di un gruppo di motociclisti, tra cui la sua compagna e il bassista del gruppo Marc Lynn.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.