Navigation

Stop A220: per passeggeri svizzeri poche chance di risarcimento

Secondo l'Ufficio federale dell'aviazione civile (UFAC) ci sono scarse prospettive di risarcimento per i circa 10'000 passeggeri svizzeri colpiti dal fermo temporaneo della flotta di aerei dell'A220. KEYSTONE/CHRISTIAN MERZ sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 ottobre 2019 - 12:40
(Keystone-ATS)

Secondo l'Ufficio federale dell'aviazione civile (UFAC) ci sono scarse prospettive di risarcimento per i circa 10'000 passeggeri svizzeri colpiti dal fermo temporaneo della flotta di aerei dell'A220.

Le autorità attualmente ipotizzano che circostanze eccezionali hanno portato all'ispezione dei motori e quindi al blocco degli aeromobili. Di conseguenza, non sono previsti pagamenti compensativi ai sensi del regolamento (CE) n. 261/2004, che è decisivo in questo caso, ha spiegato l'UFAC al domenicale SonntagsBlick. Negli altri casi il regolamento impone di pagare ai passeggeri una compensazione forfettaria compresa tra 250 e 600 euro.

Le compagnie aeree sono esonerate dai pagamenti se la cancellazione dei voli è dovuta a "circostanze eccezionali". I difetti tecnici rientrano generalmente nella sfera di rischio di competenza della compagnia aerea, mentre i danni del produttore sono considerati una circostanza eccezionale, sottolinea l'UFAC.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.