Navigation

Strage Bologna: ai NAR 1 milione dollari da Gelli o suoi emissari

Licio Gelli (foto del '96) diede un milione di dollari in contanti ad alcuni dei terroristi neofascisti dei NAR pochi giorni prima della strage del 2 agosto 1980 alla stazione di Bologna, che causò 85 morti e 200 feriti. KEYSTONE/KARL MATHIS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 luglio 2020 - 17:05
(Keystone-ATS)

Un milione di dollari in contanti sarebbe la quota data da Licio Gelli ad alcuni dei terroristi neofascisti dei NAR pochi giorni prima della strage del 2 agosto 1980 alla stazione di Bologna, che causò 85 morti e 200 feriti.

Soldi che arrivavano dai conti svizzeri di Licio Gelli e che facevano parte di una fetta più ampia di cinque milioni di dollari - o forse anche maggiore - che a più riprese sarebbero transitati da febbraio '79 e fino al periodo successivo alla strage anche agli organizzatori e ai depistatori.

È un particolare che emerge dall'inchiesta della Procura generale di Bologna sui mandanti dell'attentato e che poco tempo fa ha visto la richiesta di rinvio a giudizio per per Paolo Bellini, ex di Avanguardia Nazionale, accusato di concorso nella strage del 2 agosto 1980. L'inchiesta si è concentrata soprattutto sulle "menti" dietro la bomba, individuando in Licio Gelli, Umberto Ortolani, Federico Umberto D'Amato e Mario Tedeschi, tutti già deceduti, come mandanti, finanziatori o organizzatori dell'attentato.

A quanto si apprende, infatti, gli inquirenti hanno scoperto che nei giorni immediatamente precedenti la strage Licio Gelli, un suo factotum e alcuni degli esecutori si trovavano nella stessa località. Gelli, o un suo emissario secondo i magistrati, avrebbero consegnato il milione di dollari in contanti agli attentatori. Un'altra parte di quei cinque milioni, circa 850'000 dollari, finì invece a D'Amato, ex capo dell'Ufficio Affari riservati del ministero dell'Interno, che secondo l'ipotesi investigativa teneva i contatti con la destra eversiva tramite Stefano Delle Chiaie, capo di Avanguardia Nazionale. E ancora un'altra fetta di quel denaro sarebbe servita invece a finanziare il depistaggio a mezzo stampa.

In particolare, la Procura generale ritiene che una somma andò a Mario Tedeschi, ex senatore del MSI (Movimento Sociale Italiano, neofascista) iscritto alla loggia massonica P2 (Propaganda Due) e direttore del settimanale "Il Borghese", perché portasse avanti una campagna sul suo giornale avallando l'ipotesi della "pista internazionale" dietro la strage.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.