Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Strage in Egitto: centinaia i morti; imposto coprifuoco

L'Egitto precipita nel caos: la temuta mannaia dei militari, rimasta sospesa per alcuni giorni, all'alba è calata con ferocia sui presidi dei manifestanti pro-Morsi, ed è un bagno di sangue. Il bilancio è da guerra: si va dagli almeno 149 morti dichiarati dal governo agli oltre duemila denunciati dai Fratelli Musulmani e non verificabili.

Con due reporter internazionali e le figlie di massimi esponenti della Fratellanza uccisi, migliaia di feriti, centinaia di arresti, accuse di uso di gas letali, posti di polizia attaccati e chiese copte date alle fiamme per rappresaglia, mentre sulle principali città è stato imposto il coprifuoco e su tutto l'Egitto un mese di stato d'emergenza, in vigore per 30 anni sotto Hosni Mubarak e tolto solo l'anno scorso.

Unanime la preoccupazione per l'eccidio da parte delle cancellerie di tutto l'Occidente - in cui spicca il monito della Casa Bianca - dell'Onu, della Nato e dei Paesi arabi e musulmani, con ripercussioni anche nei vertici egiziani, da cui si è dimesso il vicepresidente, il "laico" Nobel per la Pace Mohamed El Baradei. In una lettera l'ex capo dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) scrive: "Mi è diventato difficile continuare ad assumere la responsabilità di decisioni con le quali non sono d'accordo".

Anche l'università Al-Azhar, massima istituzione religiosa dell'Islam sunnita che nei giorni scorsi aveva invitato le parti a un tavolo di pace, ha preso le distanze dall'azione dei militari. La Banca Centrale ha annunciato la sospensione delle operazioni bancarie e la Borsa è chiusa.

Il giorno del sangue è iniziato all'alba. Giorni dopo la scadenza dell'ultimatum dei militari ai manifestanti, che da un mese e mezzo chiedono nelle piazze la liberazione e il ripristino del presidente Morsi, alle ore 7.00 le forze di sicurezza, appoggiate dai soldati e con l'ausilio di elicotteri, mezzi blindati e bulldozer militari, hanno iniziato lo sgombero a forza dei due presidi-accampamenti dei dimostranti: quello minore di piazza Nahda e quello maggiore attorno alla moschea di riferimento della Fratellanza, Rabaa al-Adawiya. La prima viene sgomberata già alle 9.00, mentre per prendere il controllo di piazza Rabaa la battaglia dura fino alle 14.00 e oltre.

Le tv mostrano agenti in tenuta antisommossa armati e con maschere antigas che si avvicinano a piazza Rabaa proteggendosi dietro mezzi blindati, dimostranti mascherati che danno alle fiamme copertoni e un camion mentre nell'aria volano candelotti lacrimogeni e nugoli di sassi in un fumo denso.

Un'immagine iconica che ha fatto il giro del mondo mostra i manifestanti che spingono un blindato giù da un viadotto. Alcune riprese tv riferite da testimoni mostrano quelli che sembrerebbero gli effetti di gas letali contro donne e bambini, mentre al contrario la tv pubblica manda in onda immagini di quelli che vengono definiti "terroristi" che sparano con armi automatiche contro i poliziotti. Il bilancio appare subito pesante: in ospedali e obitori improvvisati si accumulano decine di cadaveri, anche di ragazzini, con ferite da armi da fuoco.

E malgrado il regime tenti di bloccare le piazze fermando treni e trasporti pubblici, il fuoco si espande subito in tutto l'Egitto: scontri violenti fra forze di sicurezza e manifestanti pro-Morsi e fra opposte fazioni scuotono altre città: in serata si parla di dieci morti ad Alessandria, dove viene attaccata anche la storica Biblioteca, 15 ad Ismailya, 17 in provincia di Fayum, cinque a Suez, con scontri anche a Minya, Assiut e nelle province di Buhayra e Beni Suef.

Al Cairo la tv annuncia un attacco armato a un posto di polizia con quattro poliziotti uccisi che si sommano a due uccisi in mattinata, mentre i dimostranti per vendetta attaccano tre chiese copte.

Secondo padre Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana, i Fratelli musulmani hanno già dato l'assalto ad almeno 22 chiese, per lo più copte, ma anche sette cattoliche, fra cui un monastero ed un ospedale di suore. Non ci sono morti ma ci sono feriti e "la situazione per i cristiani è gravissima", dice padre Greiche.

Il bilancio ufficiale e provvisorio del governo a metà pomeriggio annuncia la morte di 149 persone, compresi i poliziotti, mentre la Fratellanza afferma che i morti sono oltre 2000 e i feriti oltre 10'000.

Fra i morti vi sarebbero anche le figlie adolescenti del segretario di Giustizia e Libertà, il partito della Fratellanza, Mohamed el Betagui, e del numero due del movimento, Khairaht Shater. "Giuro su Dio che (il capo delle forze armate) Abdel Fatah al-Sissi spingerà questo Paese alla guerra civile", ha tuonato el Beltagui, che è poi stato arrestato insieme ad altri due dirigenti della Confraternita e al suo portavoce.

Almeno 540 manifestanti sono stati fermati in tutto l'Egitto. E fra i morti vi sono anche due reporter: il cameraman di Sky News, Mick Deane, e la giovane reporter del gruppo emiratino Gulf News, Habiba Ahmed Abd Elaziz.

In serata viene dichiarato lo stato d'emergenza per la durata di un mese e il coprifuoco notturno dalle 19.00 alle 6.00 di mattina sulle principali città, eccetto oggi, con inizio alle 21.00, che sarà mantenuto dai militari in appoggio alla polizia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.