Navigation

Strage in questura di Parigi, killer era radicalizzato

Jean-François Ricard. KEYSTONE/AP/RAFAEL YAGHOBZADEH sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 05 ottobre 2019 - 18:09
(Keystone-ATS)

Mickael Harpon, il dipendente della questura di Parigi che giovedì ha ucciso con un coltello tre poliziotti e una funzionaria, "aderiva a una visione radicale dell'islam" ed era in contatto con individui "del movimento islamico salafita".

Lo ha dichiarato oggi il procuratore antiterrorismo, Jean-François Ricard, dopo che le autorità francesi avevano dichiarato di non avere sospetti di terrorismo sull'uomo.

Il procuratore ha aggiunto che le prime indagini hanno rivelato un'adesione del killer della questura a "certi abusi commessi in nome della religione" islamica, il "suo desiderio di non avere più alcuni contatti con le donne", la sua "giustificazione" degli attentati contro Charlie Hebdo nel 2015.

In una conferenza stampa, il procuratore ha parlato poi di "cambiamenti di abitudini" di Harpon, anche dal punto di vista "dell'abbigliamento" da diversi mesi.

Sembra infatti che l'uomo avesse abbandonato "qualsiasi abito occidentale per indossare vesti tradizionali quando andava alla moschea". Dall'inchiesta sono emersi anche "contatti fra l'autore dei fatti e diversi individui, sospettati di appartenere ad ambienti islamisti".

Harpon, prima di convertirsi all'islam una decina di anni fa, e non nel 2017 come era stato detto in un primo momento, era stato denunciato per violenze coniugali nel 2009. Nell'attacco di giovedì, caratterizzato da "estrema violenza", l'uomo era armato di due coltelli comprati quella stessa mattina, uno da cucina, metallico, e uno per aprire le ostriche.

Poco prima di passare all'atto, l'uomo aveva scambiato con la moglie, il cui stato di fermo è stato prorogato, 33 messaggi sms. In questo scambio, Harpon ha scritto frasi di ispirazione religiosa, concludendo con "Allah Akbar" e "segui il nostro amato profeta Maometto e medita il Corano".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.