Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Iran, che ha protestato e annunciato un'azione legale contro l'Arabia saudita per la strage della calca alla Mecca, chiede a Riad di istituire una commissione d'indagine di cui faccia parte anche un rappresentante di Teheran. È quanto scrive l'agenzia Irna.

L'Irna cita il viceministro dell'interno Hosseinali Amiri, che afferma che il governo saudita è responsabile della tragedia: quando esso rilascia un visto per i pellegrini - dice Amiri citato da Irna - vuol dire che tutte le responsabilità sono sulle spalle del governo ospitante, secondo la legge internazionale. Amiri ha detto ancora che il governo dell'Iran e le famiglie a lutto hanno diritto di rivolgersi alle autorità legali internazionali.

Amiri ha quindi contestato la commissione d'inchiesta annunciata da Riad, che - scrive l'Irna - costituirebbe un'autorità solo nazionale, mentre nella tragedia sono morti pellegrini anche da Nigeria, Egitto, Pakistan, Indonesia e Iran, mentre deve invece essere formata una commissione internazionale e di essa devono fare parte rappresentanti di Paesi che hanno avuto gravi perdite, come la Nigeria e l'Iran.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS